Differenza tra Pastore maremmano abruzzese e abruzzese

Forum dedicato agli amanti dei grandi cani custodi del gregge Italiani: l'Abruzzese ed il Maremmano.

Re: Differenza tra Pastore maremmano abruzzese e abruzzese

Messaggioda luckychecco » mer apr 29, 2009 4:42 pm

Bravo Alessandro, mi hai tolto le parole di bocca, quoto il tuo pensiero al 100%, e ricordo che queste differenze non sono poi cosi' marcate come qualcuno sostiene, ricordo cio' che è successo alla manifestazione di Arischia del 14 ottobre 2007, dove alcuni sostenitori del Pastore abruzzese non sono riusciti a distinguere un PMA dai loro pastori abruzzesi.
Per cui perchè accanirsi tanto per un nome ? quando invece si puo' lavorare tutti assieme per migliorare un unica razza?
luckychecco
 
Messaggi: 78
Iscritto il: mer apr 22, 2009 8:55 pm

Re: Differenza tra Pastore maremmano abruzzese e abruzzese

Messaggioda Marco » mer apr 29, 2009 6:38 pm

alessandro jans ha scritto:La selezione poi può aver deviato nei tipi, creando nell’immediato dopoguerra linee di sangue diverse, non per forza scadenti ma semplicemente differenti, mentre oggi i principali allevamenti dispongono di cani che derivano da esemplari presi dai pastori.


Non credo che la razza sia stata selezionata solo dal dopoguerra.
possiamo dire che dal dopoguerra ha avuto un calo sostanziale di linee genetiche ridotte a pochi esemplari.
Occorre capire se la disomogeneità presente in questa razza come in altre simili sia un pregio o un difetto.
Fino al dopoguerra vi erano marcate differenze tra cani di diverse fattorie e quetso è documentabile leggendo le relazioni dei vari esperti del ministero dell'agricoltura.
Poi, con l'avvento della cinofilia ci sono stati fattori positivi e fattori negativi.
Si è voluto uniformare il tutto ad una "via di mezzo" e questo è stato ed è uno dei limiti della cinofilia che usa fissare rigidi standard che in razze antiche possono provocare più danni

Oggi non si può ragionare indipendentemente dal mondo cinofilo, perché è anche grazie alle esposizioni che il cane si fa conoscere e si diffonde; se dovesse essere solo il cane dei pastori il maremmano-Abruzzese oggi sarebbe relegato a uno sparuto gruppo di esemplari, invece grazie alle sue doti di guardiano è diffuso e apprezzato anche fuori dalla realtà rurale, e


è vero che la cinofilia ha portato a far conoscere il cane in altri lidi....
ma purtroppo il prezzo pagato è stato alto e più sotto tu mi confermi che alla fine le cucciolate sono crollate.

IL CANE RIPETO E’ UNO SOLO, e le differenze tra i diversi “tipi” sono una ricchezza genetica straordinaria data da migliaia di anni di storia; un pastore maremmano – abruzzese non è un boxer o un dogo argentino, non è una razza creata da qualche appassionato settant’ani fa incrociando altre razze e con una consanguineità di partenza spinta.


bene,
e proprio perchè le differenze tra i diversi “tipi” sono una ricchezza genetica che occorre preservarle con uno standard più flessibile.
Cosa che ad oggi non è accaduta.
in altre razze simli lo hanno capito, nella nostra no.
e gli effetti sono sotto gli occhi di tutti:
se molti ritengono il "Maremmano" troppo aggressivo o con problemi vari forse qualche errore è stato fatto
Marco
 
Messaggi: 543
Iscritto il: mar ago 09, 2005 8:30 pm
Località: Abruzzo

Re: Differenza tra Pastore maremmano abruzzese e abruzzese

Messaggioda paolo » gio apr 30, 2009 8:39 am

A chi sta realmente a cuore il bene del ns. cane, faccia proprio l' intervento di Alessandro Jans. Ricordiamoci che in una cinofilia in crisi, ed in una razza di così piccoli numeri, al di là di un piacevole confronto sempre istruttivo, non bisogna disperdersi in inutili contrapposizioni e sterili polemiche.
Solo così staremo realmente dalla parte del Cane Bianco.
Ci vediamo a S. Iona.
Paolo.
paolo
 
Messaggi: 8
Iscritto il: gio dic 11, 2008 9:15 am

Re: Differenza tra Pastore maremmano abruzzese e abruzzese

Messaggioda Marco » gio apr 30, 2009 9:16 am

paolo ha scritto:A chi sta realmente a cuore il bene del ns. cane, faccia proprio l' intervento di Alessandro Jans. Ricordiamoci che in una cinofilia in crisi, ed in una razza di così piccoli numeri, al di là di un piacevole confronto sempre istruttivo, non bisogna disperdersi in inutili contrapposizioni e sterili polemiche.
Solo così staremo realmente dalla parte del Cane Bianco.
Ci vediamo a S. Iona.
Paolo.


Paolo, non credo si tratta di sterili polemiche o di contrapposizioni.
Ci sono varie opinioni ed è giusto ascoltarle tutte.
Poi ognuno è libero di intraprendere la strada che vuole fermo restando il rispetto per chi vuole perseguire lo stesso fine in modo diverso.
Poi se uno si ostina ad imporre la propria opinione allora si ci sono contrapposizioni ma la colpa non è di chi non le condivide.
casomai è il contrario........
Marco
 
Messaggi: 543
Iscritto il: mar ago 09, 2005 8:30 pm
Località: Abruzzo

Re: Differenza tra Pastore maremmano abruzzese e abruzzese

Messaggioda alessandro jans » gio apr 30, 2009 12:17 pm

Volevo aggiungere qualcosa sullo standard, ma il mio messaggio era già uno sproloquio!!
in effetti anche alcuni autori nella bibliografia sul Pma riportano sia i vari standard che si sono susseguiti negli anni, sia dei veri e propri commenti agli standard vigenti, suggerendo eventuali modifiche e integrazioni.
Ho esaminato anche il testo preliminare della bozza di standard del cane da gregge abruzzese per anallizzare proposte e differenze: secondo me è un punto di partenza per discutere, per confrontarsi, per cambiare, anche mettendo mano allo standard, ma forse non ci sono gli estremi per parlare di una razza a sé stante. Nulla è immutabile, e i diversi punti di vista, che rappresentano anche realtà spesso molto distanti tra loro (anche solo a livello di km!!!) devono essere uno spunto per evolvere, le divisioni tout court spesso non portano ai risultati sperati.
Facciamo una bella cosa amici del forum, vediamoci domenica al raduno di Santa Jona!!!!! Ciao:-)
alessandro jans
 
Messaggi: 19
Iscritto il: mar apr 14, 2009 12:19 pm

Re: Differenza tra Pastore maremmano abruzzese e abruzzese

Messaggioda Marco » gio apr 30, 2009 12:49 pm

la mia proposta è e rimane quella di fare come per altre razze simili.
dividere nella stessa razza i vari tipi.
Come fatto per i pirenei e altre razze.
Già se si analizza la testa abbiamo soggetti totalmente differenti.
Marco
 
Messaggi: 543
Iscritto il: mar ago 09, 2005 8:30 pm
Località: Abruzzo

Re: Differenza tra Pastore maremmano abruzzese e abruzzese

Messaggioda bianca » gio apr 30, 2009 3:53 pm

premesso che detesto il mondo cinofilo ufficiale ENCI, io penso che la diversità genetica sia una ricchezza da preservare, ben vengano dunque svariati tipi di cani da gregge (più grandi, più piccoli, occhi scuri come chiari, pelo liscio come riccio ecc.). A me interessa esclusivamente la salute negli animali e non la sterile bellezza proposta dagli standard e dalle expo :x

Io vengo dall'ambiente cane corso e mastino napoletano, 2 razze che fino a 30-40 anni fa erano la stessa identica cosa e che poi qualcuno per questione di poltrone ha deciso che dovevano diventare 2, differenziandole il più possibile e costruendo a tavolino 2 tipi di cani che niente hanno più a che vedere con l'originale. Oggi entrambe queste razze, allevate in consanguineità da allevatori senza scrupoli, sono malate e pure brutte da vedere.... e' una tristezza infinita vedere quei corsi imboxerati e prognati, spesso displasici ecc. come pure quei mastini napoletani giganteschi pieni di pliche e pelle in eccesso, che non si accoppiano nemmeno più da soli e muoiono a 4 anni di vita :(

facciamo che non accada lo stesso scempio al nostro cane da gregge, chiamiamolo abruzzese o maremmano o cane da pecora o come si preferisce ma non sciupiamolo!!!
più conosco gli uomini, più amo le bestie.
Avatar utente
bianca
 
Messaggi: 164
Iscritto il: mar mag 20, 2008 4:11 pm
Località: Firenze

Re: Differenza tra Pastore maremmano abruzzese e abruzzese

Messaggioda Elwood » gio apr 30, 2009 8:45 pm

si anche io non mi sento di condividere molto la politica enci, in particolare mi sembra che lo standard del PMA sia stato scelto in modo da favorire la variante più commerciabile del cane, perché onestamente altrimenti si sarebbero scelti quelle caratteristiche quando la popolazione canina lasciava altre ampie possibilità?, io credo che avrebbe fatto piacere a molti ritrovarsi al + presto un pastore tedesco made in italy, daltronde nell'ambiente italiano mi è sembrato che la ricerca del profitto abbia avuto un importanza troppo marcata rispetto agli interessi dei cani, e l'enci ha sempre avvallato questi correntoni profittatori di guadagno, come diceva bianca l'inquetante caso del mastino napoletano (situazione tragica) e del cane corso (situazione ancora recuperabile) hanno dimostrato in che maniera l'ente cinofilo italiano voglia proteggere i cani nostrani, i mastini napoletani campioni sui ring, sono spesso cani malati, che non riescono più nemmeno a riprodursi autonomamente, ottenuti esaltando caratteristiche morfologiche di soggetti ipertipici fino all'estremo magari ricorrendo all'accoppiamento tra consanguinei per fissare i tratti, tutto questo per ottenere un oggetto caratteristico marketizabile, ecco quindi i mastini che inciampano nelle loro pliche, più simili a shar pei che ai cani delle masserie del sud italia, cani che rimangono a dormire mentre il ladro entra dalla finestra, quando un soggetto di 20 anni fà (mica un era geologica) non avrebbe neanche fatto ritrovare i resti dell'intruso... e soprattutto cani malaticci e dalla vita breve..., per il corso è ancora diverso, in questo caso si vorrebbe trasformarlo in un bel boxerone da parco publico, anche in questo caso la cosa più triste è la mancanza di vergogna dove spesso il sangue boxer nelle linee è stato inserito veramente e và a finire che sono poi quelli i cani che vanno a vincere i concorsi, sarebbe auspicabile un cambio di tendenza come quello che pare sia in atto in Inghilterra dove dopo tanti danni pare vogliano fare qualcosa.
http://www.evsrl.it/vet.journal/approfo ... tizia=3311
Elwood
 
Messaggi: 17
Iscritto il: dom feb 22, 2009 8:21 pm

Re: Differenza tra Pastore maremmano abruzzese e abruzzese

Messaggioda bianca » ven mag 01, 2009 7:07 am

caro elwood posso suggerirti questo sito?

http://dogpatrolcentricinofili.forumfree.net/

ciao Graziella.
più conosco gli uomini, più amo le bestie.
Avatar utente
bianca
 
Messaggi: 164
Iscritto il: mar mag 20, 2008 4:11 pm
Località: Firenze

Re: Differenza tra Pastore maremmano abruzzese e abruzzese

Messaggioda Danel » mer mag 06, 2009 9:24 pm

luckychecco ha scritto:Per cui perchè accanirsi tanto per un nome ? quando invece si puo' lavorare tutti assieme per migliorare un unica razza?


Perdonami... ma come e perchè dovremmo migliorare un razza che per millenni le nostre Genti d'Abruzzo hanno allevato UNICAMENTE per uno scopo?...
Danel
 
Messaggi: 25
Iscritto il: dom feb 10, 2008 6:13 pm
Località: Abruzzo, Teramo

Re: Differenza tra Pastore maremmano abruzzese e abruzzese

Messaggioda luckychecco » ven mag 08, 2009 10:38 pm

Tutto si evolve, non tutto pero' migliora!
L'evoluzione fa parte di tutto il pianeta, tutto si evolve e tutto cambia.
Il lavoro degli avi è da eloggiare, ma se a noi stà a cuore cio' che hanno fatto loro, dobbiamo crederci e portare avanti le loro fatiche!
Io il mio piccolo contributo lo do, cercando di far nascere cuccioli in tipo, morfologicamente e caratterialmente sani, e adatti al loro principale lavoro (la pastorizia), moltissimi dei miei "cuccioli" ora sono fieri custodi di greggi e vi posso garantire che sul ring non sfigurerebbero, cio' mi dà parecchie soddisfazioni, perchè preservando questa caratteristica (e altre) do una mano a preservare la razza e la sua funzione.
Il lavoro di un'allevatore non finisce mai, ricorda!
luckychecco
 
Messaggi: 78
Iscritto il: mer apr 22, 2009 8:55 pm

Re: Differenza tra Pastore maremmano abruzzese e abruzzese

Messaggioda Danel » mar mag 12, 2009 10:58 am

luckychecco ha scritto:Tutto si evolve, non tutto pero' migliora!
L'evoluzione fa parte di tutto il pianeta, tutto si evolve e tutto cambia.
Il lavoro degli avi è da eloggiare, ma se a noi stà a cuore cio' che hanno fatto loro, dobbiamo crederci e portare avanti le loro fatiche!
Io il mio piccolo contributo lo do, cercando di far nascere cuccioli in tipo, morfologicamente e caratterialmente sani, e adatti al loro principale lavoro (la pastorizia), moltissimi dei miei "cuccioli" ora sono fieri custodi di greggi e vi posso garantire che sul ring non sfigurerebbero, cio' mi dà parecchie soddisfazioni, perchè preservando questa caratteristica (e altre) do una mano a preservare la razza e la sua funzione.
Il lavoro di un'allevatore non finisce mai, ricorda!


Quello che descrivi, mi sembra più che evoluzione un mantenimento.
Danel
 
Messaggi: 25
Iscritto il: dom feb 10, 2008 6:13 pm
Località: Abruzzo, Teramo

Re: Differenza tra Pastore maremmano abruzzese e abruzzese

Messaggioda luckychecco » mar mag 12, 2009 5:21 pm

L'evoluzione c'è , perchè migliorano sempre le generazioni e si avvicinano di piu' allo standard.
Nell'allevamento è molto facile andare incontro ad una involuzione, solo un attenta selezione da i risultati sperati.
luckychecco
 
Messaggi: 78
Iscritto il: mer apr 22, 2009 8:55 pm

Re: Differenza tra Pastore maremmano abruzzese e abruzzese

Messaggioda Marco » mar mag 12, 2009 6:52 pm

luckychecco ha scritto:L'evoluzione c'è , perchè migliorano sempre le generazioni e si avvicinano di piu' allo standard.
Nell'allevamento è molto facile andare incontro ad una involuzione, solo un attenta selezione da i risultati sperati.


ed è questo il punto:
eliminare alcuni tipi è un evoluzione o un involuzione?
Marco
 
Messaggi: 543
Iscritto il: mar ago 09, 2005 8:30 pm
Località: Abruzzo

Re: Differenza tra Pastore maremmano abruzzese e abruzzese

Messaggioda bianca » mer mag 13, 2009 7:10 pm

Marco ha scritto:
luckychecco ha scritto:L'evoluzione c'è , perchè migliorano sempre le generazioni e si avvicinano di piu' allo standard.
Nell'allevamento è molto facile andare incontro ad una involuzione, solo un attenta selezione da i risultati sperati.


ed è questo il punto:
eliminare alcuni tipi è un evoluzione o un involuzione?


Propendo per la seconda ipotesi, in quanto diminuire i soggetti (solo perchè non rispondenti ad uno standard) significa ridurre il patrimonio genetico e introdurre le ben note patologie che hanno distrutto e stanno distruggendo altre razze...
Ben venga invece la differenziazione dei tipi, ben venga l'eterogeneità che è sinonimo di salute!!!
più conosco gli uomini, più amo le bestie.
Avatar utente
bianca
 
Messaggi: 164
Iscritto il: mar mag 20, 2008 4:11 pm
Località: Firenze

PrecedenteProssimo

Torna a Abruzzesi - Maremmani

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron